Un mio pensiero…

Che cos’è la religione?

Una bella domanda alla quale cercherò di rispondere in base a quello che io so.

La religione è un sistema autoritario con il quale si può tenere legato un certo tipo di individuo. L’individuo in sé è libero, ma non sa di esserlo e crede che per raggiungere una certa libertà sia necessario inseguire un maestro, il quale a sua volta non è libero come crede e nella sua “ingenuità” ingabbia altri individui.

La religione è un invenzione (parlo genericamente), per far in modo che la gente venga abbindolata!

Crediamo che sia il prete a fare da tramite con il Signore Dio, quando in realtà si sa bene che Dio parla con noi direttamente, in ogni attimo, in ogni respiro. E’ solo che non siamo in grado di ascoltarlo per paura, per fragilità, perché non vogliamo guardare, non vogliamo sentire. Desideriamo solo delegare altri che facciano quello che noi non vogliamo fare, per pigrizia e perché non desideriamo avere responsabilità. Deleghiamo qualcuno che parli con Dio, perché abbiamo paura della sua parola. Il fatto è che non ascoltando Dio non ascoltiamo noi stessi, che siamo parte di Esso.

 

Cosa penso della chiesa?

La chiesa non è un tempio, la Chiesa dovrebbe essere un insieme di individui che hanno lo scopo e il desiderio di Riconoscere Dio in Sé, che vogliono evolvere amando il prossimo, quindi sé stessi, che desiderano Risvegliarsi nella parola di Dio.

La Chiesa è una Comunità, un insieme, un’unità. La chiesa non è quella cosa che viene spacciata per quest’ultima.

L’individuo che riconosce Dio in Sé non ha bisogno di un tempio nel quale andare a pregare, si può pregare Dio anche seduti su una panchina, in un bosco, sulla riva del mare, perché Dio non abita solo nel tempio, ma Dio è ovunque e in chiunque.

I sacramenti hanno un significato archetipico, come svariati messaggi che vi sono nella Bibbia, ma di questo magari scriverò prossimamente, cercherò di chiarirmi le idee.

 

Caterina.

Un mio pensiero…ultima modifica: 2009-09-24T15:05:00+00:00da cat-max
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento