Quel momento perfetto

Una breve storiellina scritta qualche anno fa da me. Ho partecipato ad un concorso, speravo di vincere e invece niente… Peccato!

 

 

 

Quel momento perfetto

 

 

Nerone mi chiamano loro. Sono buoni con me, mi danno da mangiare, non mi fanno mancare l’acqua, ho un sacco di cucce, ma la mia preferita è quella cosa grande e morbida che la mia mamma e il mio papà chiamano letto. Oohh, che meraviglia! L’altra sera ho portato uno dei miei giochi li sopra, ma non ho capito perché il mio papà mi ha sgridato! Forse voleva giocarci lui, non so! E così sono sceso di corsa e sono andato verso di lui e mi diceva: “No! Non si fa!”… ma cosa non si fa??? Giocare da solo?! Allora gli ho messo il gioco tra i piedi, lui lo ha preso e me lo ha portato sull’altra cuccia, che si chiama divano e il papà è venuto con me e così ho capito! Voleva proprio giocare con me e così per tanto tempo io gli mordevo le mani e lui mi dava dei piccoli colpetti da una parte all’altra, ma non mi faceva male e lui rideva tanto e così io continuavo a morderlo; poi lui si è alzato un attimo per andare in quel posto dove fanno la pipì e ha preso una cosa che poi si è versato dove lo ho morso… non lo so! Sembrava acqua. Forse aveva sete, non capisco. Poi lui è tornato a giocare e ci siamo divertiti tanto!

 

 

 

La mia mamma esce più tardi del papà e torna dopo di lui. Non so dove vada. L’altra sera ero sul terrazzo, e da lì ho visto arrivare quella cosa che si muove e che fa tanto rumore. Non mi piace andare via su quella cosa; non capisco perché se ci sto dentro tanto e questa cosa si muove molto, mi esce tutto quello che ho mangiato dalla bocca e poi sto male e allora ogni volta che provano a mettermi su quella cosa io provo a scappare, ma loro mi sgridano e così devo per forza entrarci. La mia mamma è scesa da quella cosa e io ho iniziato a chiamarla forte e correvo per dirlo anche al papà e lui mi guardava e rideva! E poi ad un tratto ho sentito che qualcosa faceva rumore nella porta; ho capito che la mamma stava entrando ed ero pronto, sì ero pronto. Eccola! Quando è entrata gli sono corso incontro e ho iniziato a chiamarla fortissimo e saltavo dalla gioia e lei mi accarezzava e mi dava i baci e io gli ho dato un morso sul naso e lei dalla felicità si è messa la mano e ha chiuso gli occhi. Poi si è seduta sul divano sempre con gli occhi chiusi e io continuavo a darle i baci e a morderla. Lei era così contenta! So che piace tanto a loro quando li mordo: ridono!!! Allora continuo a farlo! Oohhh! È così bello quando ci sono entrambi! A me viene fame, non so perché e allora corro subito a mangiare quelle cose piccole e croccanti; sono buone! E poi torno a giocare con loro e corro e loro ridono e corrono con me! Sono così felice quando sono con loro. A volte però rimango solo, non capisco dove vadano tutti e due, ma poi quando tornano a casa, quante feste!

 

 

Quando abbiamo finito di giocare, prima di dormire, uno di loro mi porta giù a fare i bisogni; quando esco di casa mi sembra di rinascere, che ci sia la pioggia, il vento, o il sole non m’importa, a me interessa solo saltare e correre con quelli uguali a me. Alcuni sono più piccoli, altri sono grandissimi e quelli rinchiusi tra le gabbie abbaiano sempre, ce ne sono 4 in particolar modo, che quando mi vedono passare sbraitano! Forse sono invidiosi che io sono fuori e loro no. Ben gli stà!!! E poi ho un amichetto che si chiama Camillo; mi piace andare da lui perché giochiamo tanto, ma soprattutto perché da lui ci sono un sacco di ossi e io se posso, me ne prendo uno e lo rosicchio: non capisco però perché ad un certo punto Camillo inizia a fare: “GRRRR!” Non lo so, forse perché vuole continuare a giocare con me… o forse perché mangio i suoi ossi. Boh!!!

 

 

Quando si torna di sopra ci si siede tutti sulla mia cuccia, il divano, e si continua a giocare un po’. Poi qualche volta la mia mamma e il mio papà si danno i baci e così mi avvicino anch’io e… “No Nerone! Non si fa!” Loro mi dicono così e io mi chiedo: “Che cosa non si fa?”. Non capisco perché loro invece lo fanno. E perché io no? E allora ci riprovo, ma sembra proprio che non vogliano che mi avvicini. Uffa! Quando finiscono di darsi i baci vanno a fare la pipì e io vado nella cuccia, quella più piccola, dove ci sono i miei giochi e il mio osso e inizio a sgranocchiarlo! Quando la mamma e il papà spengono le luci e vanno a letto, corro a salutarli e vado a dormire. Quando tutto è buio c’è un gran silenzio; ogni tanto sento dei rumori provenire dal luogo dove dormono. Delle sere sento dei lamentini e allora corro a vedere, ma, o trovo la porta chiusa, oppure mi mandano via urlando. Mah!!! Non sembra però che si stiano picchiando. Forse giocano, ma perché non dicono anche a me di andare con loro? Non capisco. Altre volte sento altri rumori, come delle pernacchie o nella notte più profonda si mettono a chiacchierare. Forse si devono dire qualcosa di importante.

E poi finalmente ritorna la pace.

 

 

Dopo il lungo riposo apro gli occhi e osservo. Appena vedo un po’ di luce rimango a controllare: attendo il “momento perfetto”! Inizio a camminare verso la camera e quatto quatto salto sul letto e salto salto finché la mamma e il papà si svegliano! Che bello! Tutti e tre sulla super cuccia. La mia mamma e il mio papà sono così felici che iniziano ad urlare: la mamma di più però. Il papà forse è meno felice, non so. Io intanto mi infilo sotto le coperte e loro però mi dicono: “No, non si fa!” e io mi chiedo: “Cosa non si fa?” Forse pensano che possa avere caldo sotto le coperte e così cerco di dimostrargli che invece io lì sotto ci sto bene! Loro me lo dicono qualche volta, finché esco e mi metto buono buono sopra le coperte, così stanno più tranquilli e non si agitano, perché poverini sono agitati; hanno paura che possa soffrire. Cari!!! E poi ad un tratto si sdraiano nuovamente e fanno un lungo sospiro. Finalmente sono un po’ più tranquilli. Quello per me è il momento perfetto. Il loro respiro ed il mio. Il silenzio e la pace, ma soprattutto la Grande Cuccia!!!

 

 

 

Caterina

 

Quel momento perfettoultima modifica: 2010-06-26T10:41:00+02:00da cat-max
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento